Il canone Rai sui vari dispositivi

Scenario ipotetico:
ho uno studio professionale con una sala d’aspetto e una sala riunioni. Sui muri di entrambe gli spazi spiccano 2 bei televisori. Diciamo che sono proprio dei televisori, non monitor PC “adatti a ricevere il segnale radiotelevisivo”. E diciamo pure che sono spesso accesi sui canali RAI per riempire le attese o le pause di lavoro con quache breaking news o serie di qualità. E diciamo infine che questo “spasso” è interrotto ogni tanto da interruzioni pubblicitarie.

Devo pagare il canone.

Sicuro?
Ma non starò invece regalando alla RAI degli spazi pubblicitari (intendo quelli fisici occupati dai televisori appesi al muro)?
Il mio televisore è così diverso da un cartellone per la strada o di un qualsiasi spazio per le affissioni?
Non dovrebbe essere la RAI a riconoscermi una percentuale sugli introiti pubblicitari per ogni singolo spot che senza il mio televisore nessuno dei presenti nel mio studio vedrebbe?
Più di 10 anni di contextual advertising e revenue sharing sul web che hanno arricchitto non solo i colossi del web, ma anche migliaia di piccoli editori, non ci suggeriscono nulla?
Un altro “canone” è possibile?

P.s. ovviamente il discorso può (deve) essere allargato ad ogni emittente, non solo quella che richiede un canone.

Lascia un commento